Una marcia in più

  • Seguici su

Una marcia in più

Ci sono due magiche parole che indicano come il bambino entri in relazione con il suo ambiente.
Esse sono: imitazione ed esempio.[…] Il bambino imita quello che avviene nell’ambiente fisico attorno a lui, e nell’imitare i suoi organi fisici si riversano nelle forme che poi rimarranno. (Rudolf Steiner)

 

Tutto ciò di cui il bambino ha bisogno nel primo settennio, lo trovi nel nostro asilo.

Nei primi sette anni di vita il bambino impara per imitazione ed ha un grande desiderio di fare ed essere coinvolto.
È importante, allora, portare gesti ed azioni pratiche. Azioni che il bambino possa imitare e che abbiano un senso, per inserirlo nella vita quotidiana attraverso il fare.
Il fluire della giornata vede alternarsi gioco libero ed attività di gruppo (euritmia, tessitura, disegno, pittura, fare il pane, modellare la cera) che a loro volta si alternano nel corso delle settimane e delle stagioni offrendo al bambino senso di sicurezza, protezione e fiducia, rafforzando nel contempo la sua volontà.

 

Imitazione

È il modo con il quale il bambino apprende. Non solo le azioni visibili, ma anche i sentimenti delle persone che il bambino ha costantemente attorno a se. Questi vengono assorbiti attraverso l’imitazione fino a diventare parte integrante della sua vita e del suo modo di agire.

 

 

Ritmicità

La ritmicità porta sicurezza e fiducia. Si scandiscono ritmicamente attività come la pittura, la preparazione del pane, la cura delle piante, le fiabe, la musica ed il movimento. Il ritmo della giornata e delle attività settimanali che si ripetono per tutto l’anno scolastico, offrono al bambino senso di sicurezza, protezione e fiducia, rafforzando nel contempo la sua volontà.

 

 

 

Musicalità

In un asilo Waldorf, l’elemento musicale fa parte della vita quotidiana.
I canti sono semplici filastrocche di poche note, ai quali sono abbinati semplici gesti. Cantiamo all’apertura ed alla chiusura della giornata, durante le attività come fare il pane, facendo il girotondo e durante i giochi ritmici. Nei canti si utilizzano poche note, soprattutto nell’ambito “pentatonico”. La scala pentatonica è una particolare scala formata da soli cinque suoni, con la caratteristica di dare a tutte le note la stessa importanza in modo che ogni loro combinazione è bella e armoniosa.

 

Gioco libero

L’attività principale del bambino è il gioco. Gioca liberamente con i materiali naturali a disposizione, questo gli consente di immergersi con la fantasia nel gioco, facendo rivivere l’oggetto a seconda del proprio desiderio.

 

 

 

Natura

La natura è un’ottima maestra. E’ tenuta in grande considerazione la capacità del bambino di meravigliarsi e di avere grande rispetto di tutto ciò che lo circonda. Fattori essenziali sono la quiete e la pace che gli consentono di entrare in armonia con la natura. Ruolo importante lo ricopre l’alimentazione equilibrata, con prodotti da agricoltura biologica, fondamentale per lo sviluppo sano del bambino.

 

 

Euritmia

L’euritmia è l’arte del movimento. È stata proposta nel 1912 da Rudolf Steiner, che ha continuato a svilupparla ed approfondirla. L’euritmia è un’arte che tramite il gesto ed il movimento rende visibili la musica e le parole. Favorisce lo sviluppo armonico del movimento individuale e di gruppo.